A chi rivolgersi per finanziamenti imprenditoria femminile

di | 09/01/2023
A chi rivolgersi per finanziamenti imprenditoria femminile

Come sostenere le donne imprenditrici

Avviare un’impresa è difficile, indipendentemente dal luogo in cui si comincia. Alcuni luoghi, tuttavia, possono rendere più facile la crescita dell’attività in un’azienda di successo, grazie a una combinazione di cultura, talento, tecnologia e capitale.  Mercoledì Dell ha presentato lo studio 2016 sulle donne imprenditrici. L’indagine ha esaminato quali sono le città più favorevoli alle “imprenditrici ad alto potenziale”, ovvero alle donne che stanno costruendo un’azienda per superare un milione di dollari o più di fatturato all’anno.

La maggior parte delle città ha ancora molta strada da fare per supportare appieno la comunità imprenditoriale femminile – la città numero 1 ha ottenuto solo un punteggio “mediocre” di 58 – ma alcuni luoghi si distinguono dal resto:

Come fa un imprenditore a ottenere un finanziamento?

Le principali fonti di finanziamento azionario sono gli angel investors e i venture capitalist, che finanziano rispettivamente meno del 3% e dell’1% delle nuove imprese. Nonostante la loro scarsa presenza, investitori attivi come questi possono aggiungere un enorme valore alle aziende grazie alla loro esperienza, alle loro reti e alla loro guida.

Di cosa hanno bisogno le imprenditrici?

In qualità di imprenditrici, è necessario avere costanza, determinazione e rifiuto di rinunciare a portare la propria attività al livello successivo. Non siete sole. Le opinioni espresse dai collaboratori di Entrepreneur sono proprie. Un leader di successo ispira, motiva, fa da mentore e indirizza gli altri verso un obiettivo superiore.

  Prestiti per imprenditoria femminile

Iniziativa per l’imprenditoria femminile

COMMENTO: La Banca Mondiale stima che la differenza di finanziamento tra i sessi sia di 1,7 miliardi di dollari. Uno dei modi migliori per affrontare questo problema è investire in fondi che investono in imprese guidate da donne, scrive Susann Tischendorf di iBAN.

Attualmente, solo il 2% del capitale di rischio è destinato a startup guidate da donne, nonostante sia ormai assodato che la diversità di genere porta a rendimenti finanziari più elevati. Sebbene gli investimenti nelle donne imprenditrici non possano da soli risolvere il problema, potrebbero contribuire a colmare questo divario e a ottenere benefici sia per gli uomini che per le donne.

Per farlo, il settore finanziario deve innanzitutto fare la sua parte spostando più capitali verso le imprenditrici. Per contestualizzare il problema, la Banca Mondiale stima che il gap finanziario delle donne sia pari a 1,7 miliardi di dollari.

Uno dei modi migliori per aumentare l’impatto del capitale è investire in fondi che a loro volta investono in imprese guidate da donne. Alcuni di questi fondi sono anch’essi guidati e gestiti da donne, come Aruwa Capital, uno dei pochi fondi di private equity in Africa. L’organizzazione investe in imprese che forniscono beni o servizi che servono l’economia femminile da 15 miliardi di dollari non sfruttata nel continente. La sua fondatrice, Adesuwa Okunbo Rhodes, è fermamente convinta che cambiare lo squilibrio di genere tra gli allocatori di capitale sia un modo pratico per ridurre il divario finanziario di genere. “Più donne che hanno successo come allocatori di capitale significa più donne che ricevono finanziamenti, più mentori, più tedofori e più esempi da seguire”, afferma.

  Regione lazio finanziamenti imprenditoria giovanile

Fondo per fondatori donna

2017年7月8日 – Per contribuire a sbloccare il potenziale delle donne imprenditrici, la nuova Women Entrepreneurs Finance Initiative (We-Fi) consentirà di ottenere oltre 1 miliardo di dollari di finanziamenti per migliorare l’accesso al capitale, fornire assistenza tecnica e investire in progetti e programmi a sostegno delle donne e delle PMI guidate da donne.

È quasi impossibile sostenere un’impresa senza accesso al capitale. Secondo le stime, le imprese a conduzione femminile rappresentano poco più del trenta per cento delle imprese formali registrate in tutto il mondo. Tuttavia, il 70% delle piccole e medie imprese (PMI) formali a conduzione femminile nei Paesi in via di sviluppo sono escluse dalle istituzioni finanziarie o non sono in grado di ricevere servizi finanziari a condizioni adeguate per soddisfare le loro esigenze. Ciò si traduce in un deficit di credito annuale di quasi 300 miliardi di dollari per le PMI formali di proprietà femminile. La mancanza di reti, di conoscenze e di collegamenti con mercati di alto valore limita ulteriormente l’imprenditoria femminile.

Le imprese guidate da donne tendono a concentrarsi nei settori del commercio al dettaglio e dei servizi, dove i profitti e le opportunità di crescita sono minori, e raramente in settori più redditizi come l’edilizia, l’elettronica o il software.

  Imprenditoria femminile lombardia finanziamenti a fondo perduto

Iniziativa donna Cartier

Programmi >> Fondo Adelante CDFI >> Sviluppo delle imprese >> Fondo per l’imprenditoria femminile di San Francisco Il Fondo per l’imprenditoria femminile di San Francisco è un progetto congiunto di MEDA in collaborazione con l’Office of Economic and Workforce Development (OEWD) dell’ufficio del sindaco. Il Fondo fornisce mini sovvenzioni fino a 5.000 dollari alle piccole imprese femminili di San Francisco per progetti e aggiornamenti che avranno un impatto trasformativo sulla capacità di crescita dell’impresa. Il Fondo è stato istituito per migliorare l’ambiente delle piccole imprese di San Francisco e incoraggiare la collaborazione tra le imprenditrici e i fornitori locali di assistenza tecnica.

Tutti i candidati idonei saranno invitati, a rotazione, a presentare la loro proposta di progetto al Comitato del Fondo per l’imprenditoria femminile di San Francisco. Il comitato fornirà un feedback a tutti i candidati che parteciperanno e determinerà l’assegnazione del fondo.