Investire in obbligazioni enel

di | 02/02/2023
Investire in obbligazioni enel

Enel x ricavi

Enel Finance International N.V. (EFI), la società finanziaria di diritto olandese controllata da Enel S.p.A., ha lanciato un’obbligazione multi-tranche legata alla sostenibilità per investitori istituzionali nei mercati statunitensi e internazionali per un totale di 3,5 miliardi di dollari, pari a circa 3,3 miliardi di euro. L’obbligazione è legata al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità di Enel relativi alla riduzione delle emissioni dirette di gas serra (Scope 1), contribuendo al raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile (SDG) 13 delle Nazioni Unite (Azione per il Clima) e in conformità con il Sustainability-Linked Financing Framework del Gruppo. Per la prima volta in assoluto per un gruppo energetico multinazionale, un’obbligazione è legata a una traiettoria verso la completa decarbonizzazione; la tranche trentennale di questa emissione è infatti legata all’obiettivo del Gruppo di azzerare le emissioni dirette di gas serra entro il 2040 dalla produzione di elettricità e calore.

L’offerta segue le prime obbligazioni al mondo legate alla sostenibilità prezzate da EFI in dollari e in euro nel 2019 e la prima obbligazione legata alla sostenibilità emessa sul mercato della sterlina nel 2020. Lo strumento lanciato da EFI nell’ambito di questa offerta è anche la più grande transazione legata alla sostenibilità mai prezzata nei mercati dei capitali a reddito fisso. L’obbligazione è stata sottoscritta 2,5 volte, con ordini totali pari a circa 11,3 miliardi di euro e la partecipazione significativa di investitori socialmente responsabili (SRI), consentendo al Gruppo Enel di continuare a diversificare la propria base di investitori.

Struttura del gruppo Enel

Dal 2013 il mercato dei green bond, concepiti per destinare i fondi raccolti a progetti e investimenti con uno specifico obiettivo ambientale, è cresciuto in maniera esponenziale. Allo stesso tempo, negli ultimi due anni è cresciuto fortemente anche il mercato dei prestiti sostenibili, in particolare attraverso i “Sustainability-linked loans”, in cui il livello del margine è indicizzato al raggiungimento dei propri obiettivi di sviluppo sostenibile da parte del mutuatario.

  In quali etf investire

Come nuovo prodotto sul mercato del “debito verde”, il Sustainability-Linked Bond è un’emissione obbligazionaria standard non vincolata il cui costo di finanziamento può essere aumentato in caso di mancato raggiungimento di un obiettivo di performance sostenibile. Questa struttura offre l’opportunità agli attori, compresi quelli con un’elevata impronta di carbonio, di dedicarsi maggiormente alle loro strategie di sviluppo sostenibile.

Il gruppo energetico italiano Enel ha emesso un’obbligazione quinquennale da 1,5 miliardi di dollari con una cedola del 2,650%. Questo tasso è subordinato alla strategia dell’azienda energetica di avere almeno il 55% della sua capacità installata in fonti di energia rinnovabile entro il 2021. Se l’obiettivo del 55% non verrà raggiunto entro il 31 dicembre 2021, la cedola verrà aumentata di +25 pb fino alla scadenza dell’obbligazione.

Relazione annuale Enel 2021

Enel Finance International, la società finanziaria di diritto olandese controllata da Enel S.p.A., ha lanciato oggi un “Sustainability-Linked bond” multi-tranche destinato a investitori istituzionali sul mercato degli Eurobond per un totale di 3,5 miliardi di euro.

Contemporaneamente, come indicato di seguito, EFI ha lanciato un’offerta pubblica di acquisto volontaria non vincolante (“Tender Offer”) per il riacquisto parziale di tre serie di obbligazioni convenzionali in circolazione denominate in dollari statunitensi, per un importo massimo complessivo di 1,5 miliardi di dollari statunitensi, accelerando gli obiettivi di fonti di finanziamento sostenibili sul totale del debito lordo del Gruppo.

  Piazza affari investire oggi

Alberto De Paoli, CFO di Enel, ha commentato: “Con le operazioni che annunciamo oggi, attraverso le quali emettiamo nuove obbligazioni Sustainability-Linked, offrendo al contempo il riacquisto delle obbligazioni convenzionali in circolazione, rafforziamo il nostro impegno ad accelerare la crescita della finanza sostenibile, in linea con gli impegni assunti nell’ambito dell’iniziativa CFO Taskforce promossa dal Global Compact delle Nazioni Unite.”

Obbligazioni ibride Enel

Il prestito da 600 milioni di euro è legato alla capacità di Enel di raggiungere l’obiettivo di emissioni dirette di gas a effetto serra (Scope 1), misurate in grammi di CO2eq/kWh, pari o inferiori a 148 gCO2eq/kWh entro il 2023, contribuendo così al raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile (SDG) 13 delle Nazioni Unite (Climate Action). A seconda del livello di raggiungimento di questo obiettivo, il prestito prevede un meccanismo di step-up/step-down che farà scattare un adeguamento del margine.

A livello globale, il Gruppo è il più grande operatore privato nel settore delle rinnovabili, il primo operatore di rete per numero di utenti finali e il più grande operatore al dettaglio per base di clienti. Il Gruppo è leader mondiale nella risposta alla domanda e la più grande utility europea per EBITDA ordinario [1].

SACE è la società di assicurazione finanziaria italiana, che fa capo al Ministero dell’Economia e delle Finanze, specializzata nel sostegno alle imprese e al tessuto economico del Paese attraverso un’ampia gamma di strumenti e soluzioni a supporto della competitività in Italia e nel mondo. Da oltre quarant’anni, SACE è il partner di riferimento per le imprese italiane che esportano e si espandono nei mercati esteri. SACE supporta anche il sistema bancario, fornendo garanzie finanziarie per facilitare l’accesso al credito delle imprese; questo ruolo è stato rafforzato dalle misure straordinarie introdotte dal Decreto Liquidità e dal Decreto Semplificazioni. I recenti provvedimenti hanno infatti ampliato il mandato di SACE oltre il tradizionale sostegno all’export e all’internazionalizzazione, aggiungendo elementi importanti come il supporto alle imprese sul mercato domestico e le garanzie per i progetti green in attuazione del Green New Deal italiano: un nuovo mandato che fa di SACE un’istituzione impegnata a promuovere lo sviluppo del Paese. Con un portafoglio di operazioni assicurate e garantite pari a 166 miliardi di euro di investimenti, SACE serve oltre 33.000 imprese, soprattutto PMI, sostenendone la crescita in Italia e in circa 200 mercati esteri.

  Investire in oro fisico