Fondo imposte differite scritture contabili

di | 14/08/2022
Fondo imposte differite scritture contabili

Attività fiscale differita

Tenendo conto di quanto sopra, si crea un’imposta differita a causa di differenze temporali che portano ad accumulare obblighi fiscali e a doverli pagare in anni diversi. In parole povere, se una società deve pagare le imposte per una transazione finanziaria che non è ancora stata completata, le stesse vengono rinviate all’anno in cui vengono effettivamente completate.

Ai fini dell’imposta sul reddito, la passività fiscale differita è un’imposta che deve essere pagata nel periodo corrente ma che non è ancora stata pagata. Ciò significa che l’imposta sarà dovuta negli esercizi futuri. Il differimento è dovuto alla differenza temporale tra il trattamento di varie voci ai fini fiscali.

Ad esempio, le spese che vengono ammortizzate nei libri contabili in un periodo di tempo, ma che possono essere dedotte completamente nel primo anno. Un altro esempio potrebbe essere quello di un bonus o di un fondo previdenziale che non vengono pagati prima della data di scadenza della dichiarazione. Lo stesso sarà consentito nell’anno in cui viene effettuato il pagamento effettivo.

Nel caso di una società, si crea un’attività fiscale differita quando l’importo dell’imposta è stato riportato ma non è stato rilevato nei libri contabili della società. Si crea anche nel caso in cui la società abbia pagato imposte extra al dipartimento. Le attività fiscali differite sono iscritte come attività nel bilancio e sono compensate dalle future passività fiscali della società. Si creano a causa delle differenze temporali tra gli utili contabili e gli utili imponibili della società. Di seguito sono riportati alcuni esempi che possono portare alla creazione di un’attività fiscale differita:

  Mini prestito postepay evolution

Storno di imposte differite attive

Le passività fiscali differite (DTL) o le attività fiscali differite (DTA) costituiscono una parte importante del bilancio. Questa rettifica, effettuata al momento della chiusura dei libri contabili, influisce sulle entrate e sulle uscite fiscali dell’azienda per quell’anno e per gli anni successivi.

L’effetto fiscale dovuto alle differenze temporali è definito imposta differita, che letteralmente si riferisce alle imposte rinviate. Le imposte differite sono rilevate su tutte le differenze temporanee – temporanee e permanenti.

Per quanto riguarda le differenze temporali relative ad ammortamenti non assorbiti o a perdite riportabili, le DTA vengono rilevate solo se esiste una certezza virtuale del futuro. Ciò significa che la DTA può essere realizzata solo quando la società stima in modo affidabile un reddito imponibile futuro sufficiente. Questo test di certezza virtuale deve essere effettuato ogni anno alla data di chiusura del bilancio e se la condizione non è soddisfatta, tali DTA/DTL devono essere cancellate.

Una proiezione dei profitti futuri preparata da un’entità sulla base della ristrutturazione futura, della stima delle vendite, dell’esperienza passata delle spese in conto capitale, ecc. che viene presentata alle banche per ottenere un prestito, è una prova concreta della certezza virtuale. Ma la certezza virtuale non può essere convincente se si basa solo su un ordine di esportazione vincolante che rischia di essere cancellato in qualsiasi momento. La certezza virtuale deve basarsi su proiezioni più probabili per il futuro.

  Si può ricaricare la postepay con il conto corrente bancario

Imposte differite passive

Le imposte differite sono un argomento che viene regolarmente esaminato nell’ambito del Financial Reporting (FR) e che spesso viene approfondito nello Strategic Business Reporting (SBR). Questo articolo prenderà in considerazione gli aspetti dell’imposta differita che sono rilevanti per il RF.

Le imposte differite sono contabilizzate in conformità allo IAS® 12, Imposte sul reddito. È importante notare che i riferimenti alle “imposte sul reddito” si riferiscono alle imposte sugli utili o sulle perdite delle società piuttosto che alle imposte sul reddito delle persone fisiche. In alcune giurisdizioni le imposte relative alle società possono essere denominate “imposta sulle società” o “imposta sul reddito delle società”.

Nella FR, l’imposta differita comporta normalmente la rilevazione di una passività nel prospetto della situazione finanziaria. Lo IAS 12 definisce una passività fiscale differita come l’ammontare delle imposte sul reddito da pagare negli esercizi futuri in relazione alle differenze temporanee imponibili. In parole povere, l’imposta differita è un’imposta da pagare in futuro. Tuttavia, per comprendere meglio questa definizione, è necessario spiegare il termine “differenze temporanee”.

  Postepay saldo contabile saldo

Calcolo delle imposte differite attive

Come contabilizzare le imposte differite Un’azienda deve contabilizzare le imposte differite quando si verifica una variazione netta delle passività e delle attività fiscali differite durante un periodo di riferimento. L’imposta differita è solitamente la differenza tra il valore contabile di un’attività o passività e la corrispondente base imponibile, moltiplicata per l’aliquota d’imposta sul reddito applicabile. L’importo delle imposte differite viene compilato per ogni componente soggetto passivo d’imposta di un’azienda che presenta una dichiarazione dei redditi consolidata. La contabilizzazione delle imposte differite richiede il completamento delle seguenti fasi: