Non è mai troppo presto

di | 19/01/2023
Non è mai troppo presto

Mai troppo presto o mai troppo presto

Gli oceani sono più o meno in rovina. Long Beach si sta davvero impegnando per riconoscerlo e questo è un ottimo punto di partenza. Sto cercando di diffondere almeno la consapevolezza che non è mai troppo presto per prendersi cura dei nostri oceani e del nostro ambiente.

Nel mio caso la fiducia non è mai mancata. Semmai credo di aver esagerato con la fiducia in me stesso troppo presto nella mia carriera e, gradualmente, ho cominciato a diventare più umile e a volermi sedere di più.

Prima facevo film per soldi. Non sapevo cosa significasse la percezione. Non prestavo molta attenzione alle sceneggiature. O si comprava una casa o si comprava un’auto. C’era una certa frivolezza nel modo in cui prendevo le cose. Non prendevo sul serio la mia carriera.

Quando sei in una piscina pubblica o nel giardino di un amico, sapere che i tuoi figli possono entrare e uscire dall’acqua e proteggersi può fare tutta la differenza del mondo. Una cosa semplice come sapersi ribaltare e raggiungere la scaletta può salvare una vita. Potete iniziare i vostri figli a prendere lezioni quando volete: non è mai troppo presto.

Non è mai troppo presto per le citazioni

I genitori sanno che parlare con i loro bambini è molto importante e li aiuta a sviluppare il linguaggio, l’alfabetizzazione e le capacità di pensiero. Ma non basta che i bambini sentano molte parole: per imparare il linguaggio devono avere molte conversazioni con i genitori durante la giornata [1].

  Moncone ombelicale caduto presto

Questi risultati ci dicono che i bambini imparano a parlare durante le interazioni quotidiane con i genitori sulle cose che accadono nella loro vita quotidiana. Non imparano a parlare ascoltando le parole che i genitori dicono loro.

Se il vostro bambino non parla ancora, potreste pensare che sia troppo presto per conversare con lui o lei. Ma non è così! Le conversazioni avvengono ogni volta che voi e il vostro bambino interagite tra di voi. Anche i neonati hanno piccole conversazioni con i loro genitori: un bambino potrebbe emettere un suono e guardare la madre, che poi gli risponde. Poi il bambino sorride e la mamma dice qualcos’altro. Comunicando a turno, i due stanno avendo una prima conversazione, anche se il bambino non usa ancora le parole.

Non è mai troppo presto per bere

Questo modo di pensare è solo un esempio dello scollamento tra ciò che i bambini imparano osservando il loro mondo economico e le informazioni economiche accurate. I bambini vedono i genitori prendere i soldi dal bancomat, strisciare le carte di credito e di debito alla cassa, o forse ancora pagare con un assegno. I bambini vedono queste transazioni e riconoscono che non sono coinvolte monete o banconote. Non sanno intuitivamente che devono esserci soldi in un conto bancario per poter prelevare dal bancomat o accettare assegni, e non sanno che c’è un conto della carta di credito che segue gli acquisti con la carta di credito1 .

  Marina marina ti voglio al più presto sposar

Spesso i bambini non riconoscono che esiste un legame tra lavoro e reddito. E sebbene la maggior parte dei bambini più grandi si renda conto di non poter avere tutto ciò che desidera, pensa che da adulti sarà in grado di farlo2.

Recenti ricerche dimostrano che i bambini piccoli formano comportamenti finanziari già all’età di 7 anni. Le loro prime esperienze con le transazioni economiche sono probabilmente incoraggiate e vissute con un adulto importante, come un genitore o un nonno.4 I genitori, i nonni e gli insegnanti possono aiutare i bambini a sviluppare sane abitudini finanziarie fornendo:

Mai troppo presto, mai troppo tardi

Qualche anno fa, insegnavo all’asilo in una grande comunità composta principalmente da famiglie di recente immigrazione in Canada. Il primo giorno di scuola, un genitore mi si avvicinò per dirmi che erano arrivati dall’Egitto pochi giorni prima e che suo figlio non parlava inglese. Quando mi sono chinato per dare il benvenuto a Omid, lui si è girato dall’altra parte e si è aggrappato alla mano del padre. Potevo vedere chiaramente la paura e la preoccupazione nel suo giovane viso.

  Chi sei goku non lo sai però presto lo scoprirai

Per le prime settimane di scuola, il passaggio di Omid al nuovo ambiente ha rappresentato una sfida. Quando era il momento di lasciare uno spazio o un altro adulto entrava in classe, si commuoveva o rispondeva con un “no”. Sembrava cercare opportunità per ottenere il controllo sulle circostanze e sul nuovo ambiente e spesso lanciava materiali o si aggrappava a oggetti che appartenevano a qualcun altro.

Altri educatori mi hanno proposto strategie come dare a Omid una pastiglia per calmarlo o farlo sedere quando non ascoltava. Ma sapevo che queste strategie non avrebbero aiutato Omid, perché i suoi comportamenti non erano intesi a sabotare, ma erano un segno che era angosciato. Dovevo capire le cause del disagio di Omid, chi era e di cosa aveva bisogno per avere successo.